Cosa succede nel Recupero Crediti: i retroscena dell’attività

Cosa succede nel Recupero Crediti - copertina

Cosa succede nel Recupero Crediti: la giornata tipo di uno studio legale

Ti sei mai chiesto cosa succede nel recupero crediti?

Intendo dire se ti sei mai chiesto quali sono le attività di uno studio legale specializzato nel recupero crediti.

Diverse persone mi hanno rivolto questa domanda.

A volte si tratta semplicemente di persone curiose che sono interessate a informarsi sulla mia attività.

Tuttavia, nella maggior parte dei casi, si tratta di potenziali clienti che vogliono acquisire maggiori informazioni sul servizio di recupero crediti.

Pensaci: quando devi acquistare un servizio di cui hai bisogno (o un nuovo prodotto) cerchi di raccogliere tutte le informazioni più utili per non commettere errori.

Chi è davvero interessato all’acquisto di un servizio, si informa con tutti i mezzi disponibili per poter valutare meglio tutti i pro e i contro.

Per questo motivo ho deciso di aprire la porta del nostro studio legale.

In questo articolo ti spiegherò le fasi salienti della mia giornata per mostrarti cosa succede nel recupero crediti.

Ma prima voglio fornirti alcune premesse.

Quali figure lavorano in uno studio legale

Nel mondo del recupero crediti, diverse figure lavorano all’interno di uno studio legale per garantire un’efficace gestione dei contenziosi.

Per gestire correttamente grandi carichi di lavoro è necessario nominare un Responsabile Operativo (Credit Manager), ovvero una figura che supervisiona tutte le attività e coordina il team.

Questa figura ha competenze legali e gestionali ed è in grado di prendere decisioni strategiche.

Un altro ruolo chiave è quello dell’avvocato specializzato in diritto bancario e finanziario, che si occupa della parte legale del recupero crediti.

Grazie alla sua preparazione giuridica, l’avvocato può intraprendere azioni legali contro i debitori al fine di recuperare i crediti.

Inoltre l’avvocato deve essere specializzato nella comunicazione per curare i rapporti con i debitori.

La comunicazione efficace è essenziale per risolvere le situazioni in modo positivo e collaborativo.

Infine, la presenza di esperti analisti finanziari è fondamentale per valutare la solidità economica dei debitori e individuare le migliori strategie di recupero.

Ogni figura svolge un ruolo cruciale all’interno dello studio legale dedicato al recupero creditizi.

Cosa succede nel Recupero Crediti: programmare le attività più importanti

Per gestire uno studio che si occupa di recupero crediti, è essenziale pianificare le attività più importanti per ottenere risultati positivi.

È fondamentale stabilire una roadmap dettagliata che includa tutte le fasi di gestione di un credito.

Assegnare compiti specifici ai membri del team e fissare scadenze realistiche sono passaggi cruciali per evitare di incorrere in scadenze.

Utilizzare strumenti tecnologici può facilitare la programmazione delle attività più importanti, consentendo una gestione efficace dei tempi e una maggiore produttività complessiva dello studio legale.

Cosa succede nel Recupero Crediti: gestire i rapporti con i debitori

Gestire i rapporti con i debitori è una parte essenziale nel processo di recupero crediti.

La comunicazione deve essere chiara e professionale, mantenendo sempre un tono rispettoso e cortese.

È importante stabilire un dialogo aperto per comprendere le ragioni del ritardo nei pagamenti e trovare soluzioni adeguate.

Un approccio empatico può aiutare a creare un clima positivo e favorire la collaborazione del debitore nel trovare una soluzione concordata.

Ascoltare attivamente le preoccupazioni del debitore può portare a una maggiore comprensione della situazione finanziaria.

In questo modo è più facile definire la controversia e raggiungere un accordo per piani di pagamento personalizzati.

È fondamentale mantenere traccia di ogni interazione con il debitore, registrando dettagli importanti come date delle chiamate, promesse di pagamento e accordi raggiunti.

Questa documentazione sarà preziosa in caso di futuri contenziosi o procedimenti legali.

Infine, è consigliabile avere flessibilità nell’affrontare situazioni complesse, cercando sempre il giusto equilibrio tra tutela dei diritti del creditore e possibilità concrete per il debitore di onorare l’impegno finanziario.

Cosa succede nel Recupero Crediti: monitorare i contenziosi giudiziari

Monitorare i contenziosi giudiziari è una fase cruciale nel processo di recupero crediti.

Uno studio legale deve essere costantemente aggiornato sullo stato delle cause in corso per prendere decisioni strategiche.

Utilizzare un sistema di tracciamento avanzato consente di tenere sotto controllo ogni procedura legale, monitorando scadenze, udienze e attività svolte dai legali.

Questo garantisce una gestione efficace dei contenziosi giudiziari.

La tempestiva comunicazione con gli avvocati e la verifica dell’avanzamento delle pratiche sono fondamentali per evitare ritardi e garantire il rispetto delle scadenze processuali.

Inoltre, è essenziale mantenere un costante dialogo con i clienti per informarli sulla situazione dei loro casi.

Grazie alla supervisione accurata dei contenziosi giudiziari, uno studio legale può agire prontamente nel caso si presentino nuove opportunità o sfide durante la controversia.


Cosa succede nel Recupero Crediti: la giornata tipo

Cosa succede nel Recupero Crediti - la giornata tipo

È fondamentale per un imprenditore comprendere come lavora uno studio legale, specializzato in Credit Management e Recupero Crediti.

Avere familiarità con le procedure giuridiche e i tempi di azione può aiutarti a risolvere le tue crisi finanziarie.

Sapere cosa succede durante il processo di recupero crediti permette all’imprenditore di prendere decisioni informate e strategiche, collaborando attivamente con l’avvocato per garantire una gestione ottimale della situazione.

Il coinvolgimento competente dell’avvocato è essenziale per proteggere gli interessi dell’imprenditore e aumentare le probabilità di successo.

Per questo motivo voglio raccontarti la mia giornata tipo e come svolto l’attività di consulenza per i clienti del nostro studio.

Iniziamo subito.

Fase 1 – Monitorare le scadenze della giornata

Si apre ufficialmente la giornata lavorativa.

Per prima cosa mi concentro sugli impegni giornalieri.

Apro il mio software gestionale e osservo tutte le attività da compiere.

L’agenda di un avvocato che si occupa di recupero crediti è sempre molto fitta: ci sono moltissime scadenze e molti termini perentori da rispettare.

Il consiglio: è doveroso tenere traccia di tutti gli impegni per organizzare il lavoro e fissare un obiettivo giornaliero.

Le attività presenti nel mio gestionale sono state già filtrate la sera precedente: è sempre utile sapere che attività dovrai compiere il giorno dopo, per anticipare le scadenze perentorie e per evitare possibili sorprese.

Fase 2 – Stabilire l’ordine di lavorazione

Una volta controllata la lista di cose da fare occorre scegliere su quale attività concentrarsi.

Nel nostro studio legale, l’ordine di lavorazione è stabilito dalla data di prenotazione del cliente.

L’unico modo di evitare intasamenti dell’attività legale è quello di evadere velocemente il lavoro commissionato.

Se un cliente ha ordinato un servizio, è importante mettersi al lavoro tempestivamente e non attendere che il termine di scadenza si avvicini.

Il consiglio: l’unico modo di gestire una scadenza è quello di anticipare l’attività.

Se non procedi con tempestività qualsiasi scadenza può trasformarsi in una bomba ad orologeria; la lancetta dei secondi scorre e la tensione cresce.

Se cerchi di gestire una scadenza sin dal momento in cui ricevi l’incarico, avrai più tempo per evitare che “la bomba esploda”.

Devi inviare una diffida per un cliente, e il termine di prescrizione scade tra un mese?

Non ti cullare, quando hai tante cose da fare, un mese può passare velocemente.

Procedi subito con la redazione della diffida, e spediscila al più presto.

Fase 3 – Redazione atti/progetti e programmazione attività future

In genere durante la mattina la nostra mente è riposata e siamo più predisposti per compiere attività complesse.

Ma è anche vero che la mattina è l’unico momento in cui gli uffici pubblici sono aperti.

Pertanto occorre segmentare in modo oculato il tempo a disposizione per riuscire a compiere entrambe le attività.

Dalle ore 09,00 alle ore 11,00 posso dedicarmi alla stesura degli atti e alla programmazione dell’attività di recupero.

In questa finestra temporale mi piace organizzare il lavoro dei prossimi giorni, anticipando possibili scadenze imminenti.

In questa fase della giornata è meglio portare avanti un progetto importante, poiché sono più lucido e riesco a ragionare in modo più veloce.

Il recupero crediti è basato sulla programmazione.

Il consiglio: programma, segmenta, riconosci le priorità.

Se non progetto in anticipo le prossime attività che dovrò svolgere potrei arrivare a essere sommerso di cose importanti da fare lo stesso giorno.

Fase 4 – Svolgimento delle attività amministrative

Dalle ore 11,00 alle ore 13,00 posso interrompere l’attività di scrittura e di programmazione e posso dedicarmi allo svolgimento dell’attività burocratiche/amministrative.

Infatti nel recupero crediti è necessario un contatto frequente con uffici pubblici e amministrazioni statali.

Spesso una telefonata può rendere più semplice la lavorazione di una pratica.

Un professionista del recupero crediti molto spesso dovrà contattare il Tribunale, oppure l’ufficio anagrafe, oppure la Camera di Commercio.

In questi uffici il professionista del recupero crediti acquisisce le informazioni più importanti per la lavorazione della pratica.

Se devo chiamare un ufficio pubblico per ricevere informazioni devo compiere una scelta.

Chiamare in questi orari (dalle ore 11,00 alle ore 13,00) a volte può essere rischioso.

Molte Cancellerie del Tribunale chiudono proprio alle ore 11,00.

Invece molti funzionari addetti allo sportello dei Comuni, si liberano in tarda mattinata, poiché il flusso di persone in attesa si attenua.

Cosa fare se l’ufficio che devo contattare è già chiuso?

Prendo nota dell’orario e organizzo la chiamata per il giorno seguente, invertendo la fase di scrittura e programmazione (fase 3) con la fase attuale.

Fase 5 – Aggiornamento delle attività dei collaboratori

Dalle ore 14,30 e fino alle ore 16,00 posso dedicarmi ad aggiornare il mio gestionale per verificare lo stato di lavorazione dei miei collaboratori.

Un segreto: se vuoi realizzare un grande lavoro sfrutta l’aiuto del tuo team.

Una pratica può essere lavorata da un solo professionista: ma se il lavoro si suddivide in modo corretto fra più persone, allora la produttività cresce alle stelle.

Condividere le tue attività con i collaboratori ti permetterà di raggiungere prima il risultato, e inoltre farà crescere l’autostima di ogni risorsa.

Ogni pezzo di quella pratica è il frutto del lavoro di squadra.

Insieme si possono raggiungere risultati insperati.

Fase 6 – Programmazione della prossima giornata

Dalle ore 16,00 fino alle ore 18,00 mi dedico alla programmazione della giornata seguente.

In questo modo posso già organizzare il lavoro di domani e posso osservare se nel gestionale ho fissato troppe attività.

Ridurre il numero di impegni aumenta il rendimento del mio lavoro e mi permette di delegare meglio l’attività da compiere, fornendo istruzioni più dettagliate ai miei collaboratori.

In questa fase posso inviare le istruzioni ai legali esterni per le udienze del giorno successivo.

Inoltre nella parte finale del pomeriggio mi confronto con i collaboratori per capire come gestire un segmento di una pratica spinosa.

Programmare con anticipo ci permette di ridurre lo stress e ci aiuta a raggiungere risultati migliori.

Fase 7 – Si chiude tutto

La giornata è finita, si inizia con un nuovo giorno a caccia di nuove sfide per raggiungere nuovi risultati.

Prima di spegnere il pc, controllo la mail per evitare di perdere possibili scadenze impreviste.

Non c’è soddisfazione più grande di quella che si prova ad aver completato tutte le attività programmate.


Conclusione

Quando un avvocato lavora al suo studio, si immerge in una serie di attività che vanno ben oltre la semplice consulenza legale.

Nel recupero crediti ogni dettaglio richiede precisione e competenza per garantire il miglior risultato possibile per i clienti.

L’organizzazione di uno studio legale richiede precisione nella segmentazione delle attività e programmazione delle priorità.

È fondamentale che ogni pratica sia gestita con tempismo e professionalità, affinché i diritti dei clienti siano tutelati senza incorrere in decadenze.

Una corretta pianificazione delle scadenze aiuta a risparmiare tempo e semplifica la definizione delle trattative complesse.

Cosa succede nel Recupero Crediti - la giornata di lavoro


Consulenza Legale

Se hai bisogno di un chiarimento

Freccia


© riproduzione riservata

Tino Crisafulli

Avvocato • Legal Advisor • Founder di Recupero Legale

Consulenze legali per il business | Crediti • Immobiliare • Contratti • Privacy • Tech

Seguimi su LinkedIn

Iscriviti al nostro Canale YouTube