Ammissione al Passivo: come recuperare da un Fallimento

Ammissione al Passivo: introduzione

Se vanti un credito nei confronti di una società fallita, l’ammissione al passivo può aiutarti nel percorso di recupero.

Si tratta di un procedimento giuridico che consente ai creditori di far valere i propri crediti nei confronti dell’impresa fallita.

L’ammissione al passivo nel procedimento concorsuale di fallimento è un istituto disciplinato dall’articolo 93 della Legge Fallimentare.

La norma stabilisce che per richiedere il riconoscimento di un credito nel giudizio è necessario presentare una domanda almeno trenta giorni prima dell’udienza fissata per l’esame dello stato passivo.

L’ammissione al passivo può essere proposta anche nel caso in cui il creditore chieda la restituzione o la revoca di beni mobili e immobili del soggetto fallito.

Forma della domanda

Il ricorso di ammissione al passivo deve essere inviato all’indirizzo di posta elettronica certificata del curatore indicato nell’avviso ai creditori (articolo 92 della Legge Fallimentare).

L’atto può essere sottoscritto dal creditore e deve essere accompagnato dai documenti che dimostrano l’esistenza del diritto di credito o del diritto del terzo che chiede la restituzione del bene.

Il creditore deve fornire i seguenti elementi nel ricorso:

1) l’indicazione della procedura nella quale si chiede l’ammissione;

2) le informazioni personali del creditore;

3) la determinazione della somma che si intende inserire nel passivo, oppure una descrizione dettagliata del bene che si richiede di recuperare o rivendicare;

4) una breve esposizione dei fatti e degli elementi di diritto che sostengono la richiesta;

5) l’indicazione di un titolo di prelazione del credito (se esistente);

6) l’indirizzo email certificato dove ricevere tutte le comunicazioni relative alla procedura, con l’onere di comunicare al curatore qualsiasi variazione.

Il ricorso è considerato inammissibile se uno dei requisiti menzionati ai precedenti numeri 1), 2), 3) e 4).

Cosa succede dopo il deposito

Dopo il deposito della domanda di ammissione al passivo, il Tribunale esamina tutti i debiti dell’azienda e stabilisce quali creditori hanno diritto a essere soddisfatti con le risorse disponibili.

Si tratta di uno strumento giuridico che richiede grande precisione nella raccolta della documentazione presentata.

Succede spesso che alcuni crediti non siano ammessi al passivo fallimentare per assenza di adeguate prove documentali.

La ricostruzione del rapporto tra creditore e società fallita è essenziale durante questo processo, poiché qualsiasi errore potrebbe compromettere il recupero dei crediti.

È importante seguire le indicazioni che vengono fornite dal Curatore Fallimentare nell’avviso che informa l’esistenza del giudizio.

Ammissione al Passivo e Sentenza di Fallimento: differenze

Quando si parla di ammissione al passivo e sentenza di fallimento, è importante comprendere le differenze tra i due istituti giuridici.

La sentenza di fallimento rappresenta la decisione di un Tribunale che dichiara l’incapacità dell’azienda a onorare i propri debiti.

Dopo la sentenza si avvia un processo di liquidazione dei beni per soddisfare i creditori.

La sentenza di fallimento è un momento cruciale che segna la fine dell’attività imprenditoriale e l’avvio di una procedura concorsuale le cui regole vengono stabilite dalla legge fallimentare.

L’ammissione al passivo riguarda la fase iniziale del procedimento fallimentare, in cui i creditori possono presentare le proprie richieste di pagamento al tribunale competente.

In seguito sarà possibile stabilire quali debiti verranno inclusi nello stato passivo dell’azienda dichiarata fallita.

È fondamentale distinguere tra questi due istituti poiché riguardano momenti processuali differenti.

Dal punto di vista cronologico la sentenza di fallimento precede l’ammissione al passivo, poiché conferma ufficialmente lo stato critico dell’impresa.

L’ammissione al passivo identifica una fase giudiziale più avanzata, poiché grazie alla sua presentazione determina quali crediti potranno essere soddisfatti durante il procedimento.

Lo Stato Passivo

Quando si parla di “Stato Passivo” (o Progetto di Stato Passivo) in un procedimento di fallimento, ci si riferisce all’elenco completo dei creditori che hanno diritto a essere soddisfatti con i beni dell’impresa insolvente (come disciplinato dall’articolo 95 della Legge Fallimentare).

Questo documento è essenziale per stabilire l’entità del debito complessivo e pianificare il recupero delle risorse disponibili.

Nello Stato Passivo vengono indicati non solo i creditori privilegiati e chirografari (i creditori che non vantano privilegi), ma anche le eventuali controversie riguardanti crediti contestati o dubbi.

La presentazione dello Stato Passivo durante la procedura di fallimento è un passaggio cruciale per garantire trasparenza e equità nei confronti dei creditori coinvolti.

Essere inclusi correttamente nello Stato Passivo può influenzare direttamente le possibilità di recupero dei crediti vantati contro il soggetto fallito.

Ammissione al Passivo: termine per il deposito

L’ammissione al passivo rappresenta una tappa fondamentale per la partecipazione al giudizio fallimentare.

Ma quanto tempo si ha a disposizione per depositare la propria istanza?

Il termine per il deposito dell’ammissione al passivo è quello di 30 giorni prima dell’udienza fissata per l’esame dello stato passivo (così come indicato dall’articolo 93 della Legge Fallimentare).

È fondamentale rispettare tempi e modalità previsti, poiché un ritardo potrebbe comportare conseguenze negative sulle possibilità di recupero dei crediti.

Per completare tutto l’iter burocratico e assicurare la corretta presentazione della domanda è necessario consultare la documentazione trasmessa dal Curatore.

La tempistica nel processo di ammissione al passivo può variare anche in base alle eventuali contestazioni presentate da altri creditori o soggetti interessati.

Pertanto, è essenziale essere pronti ad affrontare eventuali opposizioni con solide prove documentali.

Ammissione al Passivo: come evitare errori

L’ammissione al passivo in un procedimento di fallimento è un’attività molto tecnica che richiede adeguata preparazione giuridica.

Uno degli errori più comuni è quello di non compilare in modo accurato e completo la documentazione necessaria che prova l’esistenza del diritto di credito.

Unitamente al ricorso devono essere allegate tutte le fatture

È importante prestare attenzione ai termini e alle scadenze previste dalla legge per l’ammissione al passivo, poiché il mancato rispetto di tali tempistiche può comportare conseguenze negative sull’attività di recupero.

Inoltre, è essenziale verificare attentamente i crediti da ammettere al passivo, per assicurarsi che siano effettivamente dovuti e documentati in modo idoneo.

Prospettive di recupero nel Fallimento

Le prospettive di recupero in un fallimento possono variare in base al numero di creditori e al volume dell’attivo.

Dopo l’ammissione al passivo, è importante valutare attentamente le relazioni periodiche redatte dal Curatore per monitorare l’andamento della procedura.

Uno degli aspetti cruciali riguarda la liquidazione dei beni dell’azienda in fallimento.

Attraverso una corretta gestione e valorizzazione degli asset aziendali, è possibile ottenere risorse finanziarie da destinare alla copertura dei debiti pendenti.

La negoziazione con i creditori può rappresentare un’opportunità di incasso per la procedura.


Conclusione

In definitiva, l’ammissione al passivo è uno strumento fondamentale per partecipare al giudizio fallimentare.

È importante conoscere le differenze tra i vari istituti giuridici per individuare correttamente le fasi progressive della procedura.

Il supporto legale di un professionista specializzato in diritto fallimentare può aumentare le probabilità di recupero nei confronti di un soggetto fallito.

Nei casi in cui il credito non potrà essere incassato sarà possibile sfruttare lo strumento della defiscalizzazione per ridurre il carico fiscale.

Con una corretta gestione della documentazione e il rispetto dei termini processuali, sarà possibile essere ammessi nello stato passivo e monitorare l’andamento della procedura.

Ammissione al Passivo forma della domanda - lista


Consulenza Legale

Se hai bisogno di un chiarimento

Freccia


© riproduzione riservata

Tino Crisafulli

Avvocato • Legal Advisor • Founder di Recupero Legale

Consulenze legali per il business | Crediti • Immobiliare • Contratti • Privacy • Tech

Seguimi su LinkedIn

Iscriviti al nostro Canale YouTube