Come recuperare crediti all'estero

La guida definitiva che ti suggerisce come recuperare crediti all’estero

Come recuperare crediti all’estero? Se hai concluso un contratto con un una società estera questo articolo guida può esserti utile.

📋 Ti spiegherò quali regole dovrai seguire per ottenere il pagamento da parte di un debitore estero.

Il recupero crediti estero è uno dei temi più delicati del nostro settore: ci sono moltissime insidie e alcuni problemi tecnici da risolvere.

📓 In questa guida troverai 4 regole fondamentali che ti indicheranno come recuperare crediti all’estero e quale strategia utilizzare per ottenere il pagamento del tuo cliente.

Tuttavia prima di spiegarti quali sono le regole da seguire ci sono alcune domande che devi porti prima di procedere con l’attività di recupero.


Esiste un contratto?

Per alcuni potrà sembrare una domanda banale, ma mi è capitato diverse volte di assistere dei creditori che avevano concluso degli affari internazionali con società estere senza predisporre un contratto.

📑 Ricorda che, qualsiasi sia il settore in cui operi, concludere un affare senza un contratto è sempre un errore e una pessima scelta.

Senza contratto sarà molto più difficile provare l’esistenza del tuo credito, e non potrai utilizzare il procedimento d’ingiunzione per ottenere un titolo esecutivo.

⚖️ Ti ricordo che il procedimento di ingiunzione è un procedimento speciale che ti permette di ottenere un provvedimento giudiziale di condanna in tempi più ridotti rispetto ad un causa ordinaria.

Quale legge applicare in caso di mancato pagamento?

Predisporre un contratto non è la sola raccomandazione da seguire.

📝 Quando concludi una transazione con un cliente estero ricorda di inserire una clausola con cui le due parti scelgono la legge italiana come legge da applicare in caso di mancato pagamento.

Hai verificato l’identità ed i dati fiscali del cliente estero?

Quando concludi un affare con un cliente estero è molto importante verificare la sua identità ed i suoi dati fiscali.

Come recuperare crediti all'estero i dati fiscali

Come recuperare crediti all’estero: i dati fiscali

Nel nostro ordinamento italiano puoi verificare i dati di una società richiedendo una visura camerale presso la Camera di Commercio.

🔖 Anche negli altri ordinamenti stranieri le società hanno l’obbligo di registrazione.

Pertanto quando concludi un affare con una società estera fatti consegnare un documento che indichi:

  • la forma giuridica della società;
  • la sua sede legale;
  • i suoi dati fiscali.

Ti consiglio di rispondere a queste tre domande prima di capire come recuperare crediti all’estero.

📝 Concentrati sul contratto, sulla legge da applicare in caso di controversie, e sulla verifica dei dati del cliente estero.


Adesso possiamo passare alla parte pratica di questa guida, in cui ti indicherò 4 regole fondamentali per ottenere il pagamento dal tuo cliente estero.

Come recuperare crediti all’estero?

1. INDIVIDUA LA LEGGE APPLICABILE ALLE CONTROVERSIE

Cosa succede se il contratto che hai firmato non indica qual è la legge applicabile alle controversie?

⚖️ In questo caso puoi applicare le legge italiana sfruttando il diritto internazionale privato.

Il diritto internazionale privato (contenuto nella legge n. 218/1995) è quell’insieme di norme che disciplina i rapporti tra persone o società che appartengono a stati differenti.

📋 Lo scopo di questa legge è quello di stabilire delle regole che consentano di individuare la legge applicabile a determinate situazioni giuridiche.

Queste regole vengono definite “criteri di collegamento”, ovvero dei criteri che permettono di “collegare” delle situazioni giuridiche reali ad una determinata legislazione nazionale.

Ti faccio un esempio concreto parafrasando la parte iniziale di alcune celebri barzellette: cosa succede se un francese ed un tedesco concludono un contratto in Italia?

🚩 Ecco il diritto internazionale privato serve per risolvere delle questioni di questo tipo: individuare il diritto applicabile ad una fattispecie in cui sono coinvolte tante nazioni diverse (nel nostro esempio, la Francia, la Germania e l’Italia).

L’art. 57 della legge n. 218/1995 stabilisce che la legge applicabile in materia di contratti è quella del luogo in cui deve essere eseguita l’obbligazione.

📌 Pertanto se l’obbligazione principale del contratto deve essere eseguita in Italia, la legge applicabile sarà quella italiana.

Se non hai firmato un contratto con il cliente straniero, ti consiglio di concordare che l’obbligazione principale dovrà essere eseguita nel territorio italiano.

In questo modo, in caso di insoluto, potrai applicare la legge italiana per richiedere il pagamento del tuo credito.


2. DIFFIDA IL DEBITORE NELLA SUA LINGUA MADRE

Una volta individuata la legge applicabile alla controversia, è necessario inviare una diffida al debitore estero.

✉️ Sia che si tratti di una società, o di un professionista, è sempre preferibile inviare una diffida nella lingua madre del tuo cliente.

Facciamo un esempio concreto: se hai concluso un affare con un cliente tedesco, per prima cosa ti consiglio di predisporre una diffida in lingua italiana.

📖 Successivamente rivolgiti ad un traduttore specialista (o ad un studio legale internazionale) e chiedi di far tradurre la tua diffida nella lingua tedesca.

Entrambe le diffide (quella in lingua italiana e quella in lingua tedesca) dovranno essere inviate al debitore attraverso un servizio postale estero.

Perché devi inviare anche la diffida in italiano?

Perché se deciderai di promuovere una causa giudiziale presso un Tribunale italiano, potrai dimostrare al Magistrato che deciderà la causa che la diffida è stata inviata in entrambe le versioni, facilitando ovviamente il suo lavoro.


3. ESEGUI DELLE INDAGINI PATRIMONIALI ESTERE

Dopo l’invio della diffida, non hai ricevuto alcuna risposta? Ti conviene programmare un’azione giudiziaria.

📊 Tuttavia prima di rivolgerti al Tribunale ti consiglio di eseguire delle indagini patrimoniali sul cliente estero.

L’indagine patrimoniale su un soggetto estero ha un costo maggiore rispetto a quelle su un soggetto italiano, ma ti permetterà di individuare eventuali beni mobili o immobili che potranno soddisfare il tuo credito.

🌍 Prima di avventurarti in una causa giudiziale, accerta con precisione se i beni del tuo cliente estero si trovano in Italia.

Solo con queste informazioni complete puoi stabilire la strategia di recupero più adatta per il tuo caso.


4. SCEGLI UNO STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE

Cosa succede però se la legge applicabile in caso di controversie è diversa da quella italiana?

💼 La prima cosa che devi fare è individuare uno studio legale internazionale: cioè uno studio legale italiano che offre assistenza legale anche all’estero.

In questo modo potrai contare su dei professionisti italiani che cureranno il tuo contenzioso all’estero tramite degli avvocati stranieri.

📈 Tuttavia prima di avventurarti in questa azione, ti consiglio di richiedere un preventivo iniziale e una stima sui possibili tempi di incasso.

Un processo all’estero può essere molto costoso e potrebbe avere una durata più lunga di quella che ti aspetti.


Sei giunto al termine di questo articolo. Eccoti un breve riepilogo:

Come recuperare crediti all’estero: quali sono le regole fondamentali da seguire?

  1. Individua la legge applicabile alle controversie;
  2. Diffida il debitore nella sua lingua madre;
  3. Esegui delle indagini patrimoniali estere;
  4. Scegli uno studio legale internazionale.

⬇ Leggi il riepilogo cliccando sull’infografica qui sotto ⬇

Come recuperare crediti all'estero 4 regole da seguire

Come recuperare crediti all’estero: 4 regole da seguire


Hai bisogno di un chiarimento?


🌎 Puoi ascoltare le nostre puntate sul nostro sito web, cliccando nella sezione “PODCAST“. Ma se preferisci puoi ascoltare l’episodio su:

🎙 ITUNES

🎤 SPREAKER

🎧 SOUNDCLOUD

▶️ YOUTUBE


© riproduzione riservata

Autore dell’articolo ➙ Tino Crisafulli ➙ avvocato ✓ Founder & General Manager ➙ RecuperoLegale.it 🌎

💶💰 Ti aiuto a recuperare un credito in modo intelligente

👉 Contattami su Linkedin