Come recuperare un credito: i 5 strumenti più utilizzati

Come recuperare un credito - copertina

Come recuperare un credito: gli strumenti più utilizzati

Gli studi legali e le società specializzate nel recupero crediti svolgono un ruolo cruciale nell’affrontare la sfida del recupero crediti, impiegando una vasta gamma di tecniche e strategie mirate.

Attraverso la stesura di accordi transattivi e la negoziazione di piani di rientro personalizzati è possibile ottenere dei risultati vantaggiosi per la tua crisi finanziaria.

L’uso di strumenti legali (come avvisi formali e azioni giudiziarie), nonché l’adozione di approcci di mediazione e conciliazione, possono aiutarti a massimizzare le possibilità di recupero dei crediti in modo efficiente ed eticamente responsabile.

Un avvocato specializzato in recupero crediti deve occuparsi di gestire le relazioni con i debitori, favorendo la collaborazione e individuando soluzioni che soddisfino entrambe le parti coinvolte, nel rispetto delle normative vigenti.

Come recuperare un credito

Se hai un credito insoluto e non conosci gli strumenti per poterlo recuperare probabilmente ti sei chiesto come fare prima di rivolgerti ad un professionista.

Per questo motivo conoscere in anticipo i rimedi più utilizzati dagli avvocati e dalle società che operano in questo settore ti potrà essere utile per compiere la scelta giusta.

Nel recupero crediti ci sono molti strumenti giudiziali e stragiudiziali che ti permettono di ricevere il pagamento della somma dovuta; l’uso della tecnologia può velocizzare l’azione di recupero e può garantirti risultati in tempi brevi.

Tuttavia, non tutti i crediti possono essere recuperati, e non tutti gli strumenti possono essere adatti per il tuo caso.

In questo articolo ti spiegherò come recuperare un credito e quali sono gli strumenti più utilizzati dai professionisti per obbligare il debitore a effettuare il pagamento.


Gli strumenti per recuperare un credito

Come recuperare un credito - strumenti

I 5 strumenti più utilizzati dai professionisti che ti permetteranno di capire come recuperare un credito sono i seguenti.

Azione Stragiudiziale tramite Phone Collection

La phone collection è un gruppo di persone che ha il compito di contattare il debitore in via telefonica; durante la chiamata si cerca di avviare un trattativa stragiudiziale che ha la finalità di definire il contenzioso senza il ricorso alla giustizia ordinaria.

La phone collection utilizza alcuni software gestionali con cui è possibile inoltrare chiamate automatiche senza necessità di digitare il numero.

In particolare grazie alla tecnica del “preview” ed alla tecnica del “predictive” il computer compone automaticamente i numeri da chiamare seguendo un ordine di priorità assegnato dal gestore.

In questo modo il tempo di attesa tra una telefonata e l’altra si riduce moltissimo e permette all’operatore (“collector”) di contattare centinaia di persone in poche ore.

Quando conviene scegliere la Phone Collection

La Phone Collection viene solitamente utilizzata nelle grandi società di recupero crediti.

Di solito questo strumento è adatto per gestire in modo veloce numerosi contenziosi e per verificare se vi sono prospettive di recupero stragiudiziale.

Se hai numerosi crediti insoluti e se vuoi evitare di sostenere le spese di un giudizio esecutivo, la Phone Collection è lo strumento migliore.

La Phone Collection è uno strumento versatile che, quando utilizzato con competenza, può favorire la risoluzione delle controversie in modo rapido ed efficace, offrendo un’alternativa più amichevole rispetto alle procedure legali più formali.

La Mediazione Civile

La mediazione civile è una tecnica di recupero crediti stragiudiziale.

In molte materie, infatti, è necessario avviare il tentativo obbligatorio di mediazione prima di instaurare una causa civile (D.Lgs. 28/2010).

Se la procedura di mediazione non viene avviata nei casi previsti dalla legge il Tribunale potrebbe bocciare la tua domanda dichiarandola improcedibile.

La mediazione può essere proposta volontariamente mediante richiesta presso gli Organismi abilitati dal Ministero della Giustizia.

Grazie alla tecnica delle videoconferenze e grazie alla famosa applicazione di messaggistica Skype è possibile svolgere mediazioni su tutto il territorio nazionale con controparti che risiedono in città differenti.

Quando conviene avviare una Mediazione

In alcuni casi la mediazione civile può essere uno strumento molto incisivo per definire il tuo contenzioso.

Hai già avviato una trattativa stragiudiziale con il debitore ma l’accordo non è stato raggiunto per un soffio?

La mediazione probabilmente è proprio quello che ti serve perché l’invito alla mediazione da parte di un Organismo ufficiale potrebbe convincere il debitore a riprendere la trattativa per raggiungere un accordo.

La mediazione offre un contesto strutturato e neutrale, consentendo alle parti coinvolte di esplorare vie di accordo senza dover ricorrere al giudizio legale.

Tale approccio, basato sulla collaborazione e sulla comunicazione assistita da un mediatore imparziale, offre spesso risultati più celeri ed economici rispetto alle lunghe e costose procedure giudiziarie.

Il Decreto Ingiuntivo

Il decreto ingiuntivo è uno strumento di recupero di carattere giudiziale.

Il creditore per mezzo di un avvocato, deposita un ricorso di ingiunzione presso il Tribunale competente ed il giudice, dopo aver esaminato la domanda, può condannare la parte debitrice al pagamento di quanto dovuto.

Grazie al processo civile telematico (PCT) l’avvocato può depositare il ricorso direttamente dal proprio computer e può monitorare la controversia attraverso la consultazione del fascicolo informatico.

Quando conviene richiedere l’emissione di un Decreto Ingiuntivo

Se il debitore ha rifiutato in tutti i modi di transigere la controversia, non ti resta che rivolgerti all’autorità giudiziaria.

In molti casi la notifica di un decreto ingiuntivo è lo strumento migliore per ricevere il pagamento di quanto dovuto.

La notifica di un atto giudiziario ha un’efficacia persuasiva molto forte rispetto alla notifica di una semplice diffida.

La diffida, infatti, rappresenta una mera richiesta formale di adempiere a determinati obblighi, il decreto ingiuntivo, invece, è un provvedimento giuridico emanato da un’autorità giudiziaria che attesta l’esistenza di un credito certo, liquido ed esigibile.

La notifica di un atto giudiziario implica una concreta volontà dell’autorità giudiziaria di intervenire e sanzionare legalmente la situazione, conferendo al decreto ingiuntivo un’autorità e una forza probante notevolmente più incisiva.

Il Pignoramento presso Terzi

Il Pignoramento presso Terzi è una tecnica di recupero di carattere giudiziale attraverso la quale è possibile recuperare un credito pignorando il conto corrente o la retribuzione del debitore.

Il codice di procedura civile (art. 492 bis c.p.c) consente al creditore di effettuare la ricerca telematica dei beni da pignorare.

Attraverso questo mezzo è possibile accedere all’anagrafe tributaria dell’Agenzia delle Entrate dopo aver depositato un’ apposita istanza.

Quando conviene avviare un Pignoramento presso Terzi

Se hai effettuato indagini patrimoniali sul debitore (e se hai esaminato correttamente il loro esito grazie all’aiuto di un consulente legale) ti conviene promuovere un pignoramento presso terzi.

Fai attenzione però alla solidità economica e alla serietà del datore di lavoro del tuo debitore: se non riceverai la dichiarazione del terzo, il pignoramento presso terzi potrebbe trasformarsi in un percorso molto tortuoso.

Ti consiglio, infatti di verificare con anticipo l’identità del terzo pignorato poiché il datore di lavoro, come soggetto terzo coinvolto nel processo di esecuzione, è la fonte primaria dei redditi soggetti a pignoramento.

Conoscere l’identità del datore di lavoro permette di individuare con precisione la fonte del reddito del debitore e di inoltrare correttamente gli atti di pignoramento, garantendo così una procedura di esecuzione efficace.

La corretta identificazione del datore di lavoro costituisce dunque un passo preliminare indispensabile per garantire la validità e l’efficacia del pignoramento presso terzi nello specifico contesto dello stipendio.

Il Pignoramento Immobiliare

Il pignoramento immobiliare è uno strumento di recupero di carattere giudiziale attraverso il quale Il creditore che vanta un titolo esecutivo (decreto ingiuntivo) può richiedere l’espropriazione forzata degli immobili che appartengono al debitore.

Questo procedimento è largamente utilizzato quando si cerca di recuperare un credito di notevole entità perché di solito la vendita forzata di un immobile consente di incassare una cifra abbastanza alta in grado di soddisfare anche i crediti più grossi.

Grazie ai nuovi strumenti tecnologici nel settore immobiliare, la vendita degli immobili può avvenire in tempi più rapidi.

Quando conviene avviare un Pignoramento Immobiliare

Se hai un credito insoluto di importo elevato, il pignoramento immobiliare può essere lo strumento di recupero più adatto per il tuo caso.

Fai attenzione però a valutare in anticipo la qualità dell’immobile.

Ti consiglio, inoltre, di verificare se l’abitazione è gravata da diritti di prelazione (come un’ipoteca); questo è uno degli aspetti più sottovalutati quando si decide di avviare un pignoramento immobiliare.

Moltissime abitazioni sono già gravate da ipoteche e pignorarle può essere una pessima scelta.

Infatti, se riuscirai a vendere l’immobile all’asta, molto probabilmente dovrai fare i conti con l’ipoteca iperbolica di una Banca ed in molti casi l’importo ricavato dalla vendita del bene non ti permetterà di recuperare il tuo credito.

Pertanto stai attento a chi ti promette risultati certi con il pignoramento immobiliare.


Conclusione

Nell’ambito del recupero crediti, la scelta degli strumenti giusti può fare la differenza tra un successo rapido ed efficace e un percorso complesso e lungo.

La varietà di strumenti a disposizione, ognuno con caratteristiche e implicazioni specifiche, sottolinea l’importanza di una scelta ponderata e la natura unica di ogni situazione richiede una valutazione accurata per determinare l’approccio più adatto.

L’adozione di un metodo stragiudiziale, la mediazione, il ricorso a un decreto ingiuntivo o il pignoramento, rappresentano opzioni strategiche che devono essere selezionate in base alle circostanze peculiari del caso.

Questo approccio su misura non solo ottimizza le possibilità di successo, ma contribuisce anche a garantire un recupero crediti efficiente, rispettando la proporzione e la complessità delle sfide che ogni situazione presenta.

In sintesi, la chiave del successo risiede nell’analisi attenta delle circostanze specifiche, consentendo una scelta strategica degli strumenti più idonei al contesto, per un recupero crediti efficace, tempestivo e proporzionato alle sfide del caso singolo.

Come recuperare un credito - strumenti principali - lista


Hai bisogno di un chiarimento?

Freccia


© riproduzione riservata

Tino Crisafulli

Avvocato • Legal Advisor • Founder di Recupero Legale

Consulenze legali per il business | Crediti • Immobiliare • Contratti • Privacy • Tech

Seguimi su LinkedIn

Iscriviti al nostro Canale YouTube